01/06/2010 "La pittura digitale di Silvio Balestra" di Ugo Perugini

01/11/2009 Testo critico

20/05/2009 Non solo la luce - Paolo Levi

01/10/2008 SPRAY - JULIET art magazine n°139 ott 08

30/06/2008 Alberto D'Atanasio


SPRAY - JULIET art magazine n°139 ott 08


Alla Sala Comunale d'Arte abbiamo trovato "Spinta fatale", una mostra di Silvio Balestra incentrata sulle tonalità del nero profondo: stampe fotografiche realizzate in copia unica in digital c-print light-jet- diasec.Si tratta di una mostra molto impegnativa, sia per le dimensioni ragguardevoli di alcune immagini (fino a 133,8x200 cm)sia per il costo di produzione dell'intero progetto.L'azzardo è forte, la proposta è in controtendenza;la lezione sperimentale di Man ray e quella futurista di A.G.Bragaglia stanno sullo sfondo.Come scrive Alberto D'Atanasio nella presentazione in catalogo:"La luce diviene pennello e dà figurazione all'emozione,alla sensazione,al sentimento".Si tratta di una mostra che afferra ,che assorbe,che inghiotte,non solo per i neri profondi,ma anche per il posizionamento delle foto,messe sotto la linea standard dell'orizzonte visivo grazie a dei pilastrini neri di sostegno,e ancorate,leggermente inclinate,alla parete.


E questo perchè,si badi bene, anche in questo caso, non è il sistema (l'apparecchio,la tecnologia di stampa) che comanda, bensì la creatività della persona che sta dietro "l'obiettivo".

R. Vidali